Addio Fottuti Musi Verdi: recensione con video del primo folle film dei The JackaL

Pubblicato il 7 Nov 2017 - 12:12pm di Francesco Salvetti

Arriva nelle sale il primo film dei The JackaL “Addio Fottuti Musi verdi” con Ciro Priello, Simone Ruzzo e Fabio Balsamo. Vi forniremo trama, commento e una completa video-recensione.

Ciro Priello è un grafico pubblicitario molto qualificato, ha 30 anni e cerca di mantenersi lavorando in una friggitoria gestita da Cinesi chiamata: “DeuxFritures”. Come tanti giovani oggi, Ciro è sempre in cerca del lavoro per cui ha studiato da tempo, manda curriculum ovunque, ricevendo spesso risposte non soddisfacenti, sino a quando Fabio, il suo migliore amico, gli propone di mandarlo nello spazio. Follia? Forse. È quando si deciderà a farlo sul serio che le cose cambieranno e prenderanno una piega insolita, tutta da scoprire.

La video-recensione del nostro inviato su “Addio Fottuti Musi Verdi”

Recensione del nuovo film dei The JackaL

“E’ da stamattina che ho un fottuto mal di testa vedi di non fare troppo rumore quando muori!” Comincia con questa battuta, un fucile spaziale e un alieno, il primo film dei The JackaL diretto da Francesco Ebbasta, scritto assieme a Alfredo Felco, Simone Ruzzo, Valerio Cilio; dal 9 Novembre in tutti i Cinema distribuito da 01 Distribution.

Il gruppo di Youtuber napoletani fa il grande salto, nonostante da un po’ di tempo si percepiva il sentore di un possibile approdo sul grande schermo. Negli anni i loro format “Lost in Google”, “Vrenzole”, “Gli effetti di Gomorra sulla gente”, hanno riscosso milioni di visualizzazione e apprezzamenti vista l’estrema cura e competenza che emerge dai loro video. Recentemente, dopo il corto “30 ANNI – il sabato sera”, in molti si aspettavano che ,appresa la notizia di un loro arrivo al cinema, sarebbe stato quello il possibile inizio da cui trarre un possibile lungo.

I “The Jackal” anche questa volta hanno voluto alzare il tiro, scrivendo un soggetto che pone al centro una domanda: “Quanto sei disposto a spingerti per ottenere un lavoro?”. In molti hanno un parente o un amico costretto a partire per vedere ripagate le proprie fatiche fatte sui libri e ottenere un lavoro che possa offrire loro uno stipendio giusto ed equo. Tutti quelli che sono partiti lo hanno fatto perché hanno inviato curriculum dappertutto ricevendo sempre una risposta negativa, o uno stipendio non adeguato, ma nello spazio quanto pagano? Sicuramente non ci sono i Sindacati e tutti quei cavilli burocratici, ma basta firmare un contratto regolare e il gioco è fatto.

Con una commedia fantascientifica, i ragazzi di Napoli, portano a Cattleya il soggetto più difficile che potevano scegliere. Ciro è il protagonista assoluto della storia e fa della comicità Slapstick il suo punto di forza. Accanto a lui il suo migliore amico Fabio, spalla ideale e punto di riferimento, la sua fidanzata di Ciro è Matilda, interpretata da Beatrice Arnera, talento classe 1995 di cui sentiremo molto parlare negli anni. A colorare la scena e a rendere il film ancora più divertente ci sono tre ospiti molto particolari.

I primi due sono star del mondo Gomorra, Fortunato Cerlino e Salvatore Esposito, alias Don Pietro Savastano e Gennaro Savastano, che per questo film hanno mostrato un forte senso di autoironia prendendosi in giro interpretando la famiglia Felacone. È presente un’altra Guest star di cui non possiamo svelare il nome per non rovinare una delle battute più divertenti del film.

Info sull'Autore

Laureando in Ingegneria Gestionale presso l’università di Tor Vergata, da sempre appassionato di cinema e inviato per eventi cinematografici per Corretta Informazione.

Lascia Una Risposta