Bonus famiglie e agevolazioni fiscali 2016: sconti e incentivi confermati in attesa della legge di Stabilità

Pubblicato il 3 Ott 2015 - 11:14am di Ubaldo Cricchi

Nel corso degli ultimi anni i Governi hanno cercato di attivare una serie di agevolazioni fiscali e bonus famiglie per sostenere quelle persone che a causa della crisi si sono ritrovate a far parte di una delle categorie che in tempi recenti sono, purtroppo, diventate sempre più numerose: si parla degli indigenti, delle famiglie a basso reddito e dei disoccupati che ora si trovano al limite della soglia di povertà.

Agevolazioni 2016: confermati bonus energetici

La nuova legge di Stabilità è ancora in cantiere, ma ci sono delle agevolazioni e dei bonus che sono già stati confermati anche per il 2016. In attesa di conoscere se verranno introdotti nuove forme di sostegno sociale, diamo uno sguardo agli sconti che di sicuro ci saranno anche nel prossimo anno. Uno dei bonus famiglie più importanti è sicuramente rappresentato dallo sconto sulle utenze domestiche.

Le spese per l’energia elettrica, il gas e l’acqua sono tra quelle che incidono di più sul bilancio delle famiglie, che evidentemente, anche se in difficoltà economiche, non vi possono rinunciare. I bonus energetici ci saranno anche nel 2016 e per beneficiarne bisognerà attestare l’indigenza del proprio nucleo familiare presentando l’ISEE (e certificando la presenza dei requisiti), Per quanto riguarda l’acqua, il bonus viene concesso solo a chi risiede nei Comuni che hanno siglato un accordo con i fornitori.

Bonus bebè, Carta Acquisti e incentivi sull’abitazione

Il bonus bebè, introdotto quest’anno, sarà valido fino al 2017: i genitori di un bimbo nato o adottato durante questi tre anni possono richiedere un contributo di 80 euro mensili (160 per le famiglie particolarmente in difficoltà) fino a quanto il piccolo non compirà tre anni. La richiesta deve essere presentata all’Inps entro 90 giorni dalla nascita o dall’adozione. Nel 2016 ci sarà anche la Carta Acquisti, che offre 40 euro al mese per i genitori che hanno figli con meno di tre anni e per gli anziani che hanno superato i 65. Le famiglie a basso reddito con figli in età scolastica potranno ancora contare sulle agevolazioni per l’acquisto dei libri di testo.

Nel prossimo anno le famiglie a basso reddito potranno ancora beneficiare di alcuni incentivi che riguardano l’abitazione. Le nuove famiglie con almeno un componente di età inferiore ai 35 anni e che presentano altri requisiti (come il basso reddito o la precarietà lavorativa) possono ottenere un mutuo agevolato per l’acquisto di una casa. Per quanto riguarda coloro che vivono in affitto sono confermate le detrazioni che permettono di ottenere sconti tra i 150 e i 300 sulle tasse.

Info sull'Autore

Sardo trapiantato in Umbria, bachelor in informatica, sono un web designer e articolista. Convinto oppositore della scrittura in stile SMS, adoro gli animali e la musica.

Lascia Una Risposta