Borsa Merci Bologna 2017: listino prezzi settimanale AGER su cereali, paglia e concimi

Pubblicato il 8 Ago 2017 - 10:30am di Livia Larussa

Se siete interessati al listino prezzi settimanale AGER su cereali, paglia e concimi con l’aiuto di questo articolo potrete soddisfare la vostra curiosità: scopriamo le più importanti novità sulla Borsa Merci di Bologna del 2017. La Borsa Merci è istituita per la contrattazione di specifici beni, prodotti e servizi a livello mondiale, europeo e nazionale. Tra le merci destinate a siffatta contrattazione ci sono i cereali – soia, mail, grano –metalli, concimi e tanti altri. La contrattazione avviene sulla base dei listini di prezzi di riferimento per compratori e venditori in via interamente telematica. A differenza delle borse tradizionali – le borse valori – variano settimanalmente e non quotidianamente; questo per vie per le diverse tempistiche relative agli scambi delle merci di riferimento.

Può essere utile ricordare che chiunque sia interessato ad entrare in borsa deve essere in possesso di alcuni requisiti imprescindibili: innanzitutto non deve essere stato dichiarato fallito o condannato per delitti contro la fede pubblica o la proprietà; non deve essere stato condannato per corruzione, peculato, concussione, sottrazione da luoghi di pubblico deposito, falsa testimonianza o calunnia; non deve aver violato i propri impegni commerciali; e, infine, non deve essere stato sottoposto a provvedimenti di esclusione da altre Borse Merci. Questo è quanto è stato stabilito dalla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna; verificata la sussistenza dei requisiti, potrete accedere al mercato.

Listino prezzi Borsa Bologna AGER 2017 sui cereali

I prezzi che saranno riportati sono stati fissati il 27 luglio 2017: le cifre di riferimento corrispondono agli euro da pagare per ottenere la quantità di una tonnellata di prodotto, sono riportate due diverse cifre in euro che corrispondono al minimo e al massimo prezzo per il prodotto. Iniziamo dal frumento tenero di produzione nazionale: la categoria speciali di forza si vende a 227,00 euro minimo e 232,00 euro massimo; la categoria speciali si vende a 190,00 euro minimo e 195,00 euro massimo; la categoria fino, si vende a 181,00 euro minimo e a 185.00 massimo.

Il frumento duro di produzione nazionale si vende invece a 230,00 euro minimo e a 235,00 euro massimo. Per tutti i prezzi visti fin’ora, l’IVA è esclusa, inoltre, i prezzi si riferiscono al Franco Partenza. Il che sostanzialmente significa che il prezzo della merce si intende senza includere le spese di trasporto e le spese accessorie – in questi casi è quindi il compratore ad occuparsi di organizzare e pagare il ritiro presso il magazzino del venditore.

Se invece il compratore scegliesse di affidare al venditore spese e responsabilità del trasporto della merce, la formula che dovrà scegliere per l’acquisto è il Franco Arrivo. In tal caso il prezzo della merce copre anche le spese accessorie e di trasporto di cui, di conseguenza, sarà il venditore ad occuparsi. Seguono i prezzi per questa formula di acquisto: il frumento tenero da Northern Spring si vende a 303 euro minimo e 305 euro massimo; il frumento tenero da Canada Western Red Spring a 305,00 euro minimo e 309,00 euro massimo. Il frumento duro di produzione nazionale si vende invece a 240 euro minimo e 245 euro massimo.

Vi sono numerosi altri cereali oggetto di vendita sulla Borsa Merci di Bologna. Secondo la formula franco arrivo possono infatti essere acquistati inoltre varie tipologie di granoturco secco: quello nazionale di tipo zootecnico si vende a 185 euro minimo e a 187 euro massimo; quello comunitario ad uso zootecnico si vende a 187 euro minimo e 189 euro massimo; infine quello non comunitario ad uso zootecnico (che potrebbe contenere OGM) si vende a 187 euro minimo e 188 euro massimo. Tra i cereali minori e le leguminose troviamo l’avena rossa, oggetto di vendita a un minimo 155 euro e un massimo di 160; l’orzo – p.s.58/61 a 155,00 euro minimo e a 157 euro massimo; l’orzo – p.s. 62/64 a 160,00 euro minimo e 162,00 euro massimo; orzo – p.s. 65 e oltre a 162 euro minimo e 164,00 euro massimo; farro di produzione nazionale (triticumdicoccum) p.s. 41/45 a 180,00 euro minimo e 190,00 massimo.

Listino prezzi AGER Bologna di altre merci: paglia e concimi

Il listino prezzi della Borsa Merci di Bologna pubblicato ogni settimana dall’AGER è ben più ricco rispetto alla panoramica appena esposta circa prezzi e merci oggetto di negoziazione in borsa: i cereali oggetto di compravendita sono numerosissimi e con caratteristiche molto diverse: per saperne di più dunque si rimanda all’archivio bollettini settimanali dell’Emilia Romagna: un archivio facilmente accessibile on-line al sito http://www.agerborsamerci.it/listino/listino.html.

Per quando invece concerne paglia e concimi, seguono i prezzi di acquisto dell’ultima settimana, anch’essi espressi in euro su tonnellate. La paglia di grano prima qualità, compressa in rotoballe si vende a 27,00 euro minimo e 32,00 euro massimo. La paglia di grano prima qualità compressa in balloni quadri si vende a 30,00 minimo e 35,00 euro massimo. Con riferimento ai concimi, anche in questo caso la scelta è piuttosto ampia ad esempio gli sfarinati di grano duro: la semola con caratteristiche di legge si vende a 365,00 euro minimo e 370,00 euro massimo; la semola con caratteristiche migliori delle minime previste dalla legge si vende a 430,00 euro minimo e 435,00 euro massimo.

La Borsa Merci Bologna è il luogo virtuale perfetto per soddisfare le proprie esigenze di acquisto di cereali, concimi e paglia, ma non solo. Invito chiunque sia interessato ad entrare nel mercato ad accedere al sito riportato, troverete le risposte ad ogni altra domanda possa sorgere.

Info sull'Autore

Lascia Una Risposta