Calendario Ottavi di Finale Coppa Italia 2016-2017: prossime avversarie possibili di Juventus, Roma, Inter, Milan e Napoli

Pubblicato il 29 Nov 2016 - 2:01pm di Ubaldo Cricchi

Iniziano oggi le sfide per il quarto turno della Coppa Italia 2016-2017: dagli esiti di queste partite usciranno le prossime avversarie di Juventus, Roma, Inter, Milan e Napoli agli ottavi di finale; vediamo quali sono i match in programma e diamo uno sguardo al calendario di questa storica competizione, molto spesso inizialmente snobbata dai club, ma che in molti casi può rappresentare il trofeo che dà un senso all’intera stagione.

Quarto turno di Coppa Itala 2016-2017: le partite in calendario e diretta tv

Il quarto turno verrà inaugurato tra poco con la sfida Empoli-Cesena (ore 15:00); alle 18:00 sarà il turno di Chievo-Novara e alle 21:00 ci sarà il fischio d’inizio di Torino-Pisa. Molto interessante anche il programma di domani mercoledì 30 novembre: alla 15:00 comincia Palermo-Spezia, poi ci sarà spazio per due sfide tra compagini che militano in Serie A, infatti alle 18:00 inizierà Atalanta-Pescara e alle 21:00 occhi puntati su Sampdoria-Cagliari. Il turno si chiude giovedì 1 dicembre con le partite Genoa-Perugia (ore 18:00) e Bologna-Verona (ore 21:00).

Tutte le partite verranno trasmesse in diretta tv in chiaro su Rai Sport 1 e sarà molto interessante seguirle perché il passaggio agli ottavi si gioca su gara secca: chi vince va avanti. L’attuale formula della Coppa Italia prevede che solo le semifinali si disputino con andata e ritorno: per tutti gli altri turni è prevista la gara secca e in caso di pareggio al novantesimo si va avanti con i tempi supplementari e gli eventuali rigori.

Le possibili avversarie di Juventus, Roma, Inter, Milan e Napoli agli ottavi di finale

Ora diamo uno sguardo al calendario degli ottavi di finale e a quali sono i possibili avversari delle “big” che faranno il loro ingresso nella competizione solo a quel punto del torneo (a non tutti i tifosi piace questo tipo di calendario). Il Napoli affronterà la vincente della sfida tra Palermo e Spezia; la Fiorentina affronterà chi la spunta tra Chievo e Novara; il Milan in ogni caso se la dovrà vedere con un protagonista del suo recente passato, ovvero il Torino di Mihajlovic o il Pisa di Gattuso; la Juventus accoglierà la vincente tra Atalanta e Pescara; l’Inter affronterà chi passa tra Bologna e Verona; la Lazio sfiderà la vincente di Genoa-Perugia; il Sassuolo si incrocerà con Empoli o Cesena; la Roma giocherà contro Sampdoria o Cagliari.

Le partite degli ottavi di finale della Coppa Italia 2016-2017 si disputeranno l’11 gennaio; i quarti sono in programma il 25 gennaio; le sfide di andata delle semifinali si giocheranno il primo marzo, mentre il ritorno è stato fissato per il 5 aprile. La finale che assegnerà il trofeo si giocherà allo Stadio Olimpico di Roma il 2 giugno 2017. Ad inizio articolo abbiamo detto che per qualche squadra la Coppa Italia potrebbe rappresentare l’ancora di salvataggio di una stagione: oltre a mettere in bacheca un trofeo prestigioso (anche se ha perso molto del suo smalto), chi vince la Coppa Italia è automaticamente qualificato alla fase a gironi dell’Europa League dell’anno successivo.

Curiosità sulla Coppa Italia

La squadra che può vantare più successi in Coppa Italia è la Juventus, che ne ha vinto 11 edizioni; al secondo posto troviamo la Roma con 9 coppe in bacheca (ma se sommiamo gli 8 secondi posti possiamo dire che i giallorossi sono quelli che hanno giocato più finali); il podio è chiuso dall’Inter: i nerazzurri hanno alzato il trofeo 7 volte, una in più rispetto a Fiorentina e Lazio. Probabilmente tutti sanno che i vincitori della Coppa Italia l’anno successivo possono esibire la coccarda tricolore sulle magliette, ma forse non tutti sanno che il trofeo ha assunto la forma attuale solo dal 1960: in precedenza le coppe in palio avevano forme differenti.

Info sull'Autore

Sardo trapiantato in Umbria, bachelor in informatica, sono un web designer e articolista. Convinto oppositore della scrittura in stile SMS, adoro gli animali e la musica.

Lascia Una Risposta