Cessione del Quinto Unicredit 2017: tempi di erogazione, tasso prestiti, telefono e opinioni

Pubblicato il 5 Lug 2017 - 6:13pm di Livia Larussa

Quali sono le condizioni della cessione del quinto previste dal gruppo Unicredit per l’anno 2017? Per chiunque fosse interessato a sapere qualcosa in più sulle ultime novità di quest’anno, ecco una dettagliata esposizione delle stesse e dei vantaggi cui si va incontro scegliendo questa specifica tipologia di prestito. La cessione del quinto, come noto, in via di prima approssimazione, è un particolare tipo di prestito personale pensata appositamente per i lavoratori dipendenti che siano pubblici o privati, nonché ai pensionati.

Come suggerisce la denominazione stessa del prestito di cui si scrive, vi è poi una peculiarità in più: il tetto massimo della rata non può e non deve superare la soglia di valore di un quinto dello stipendio. Si tratta di un trattamento agevolato e piuttosto conveniente finalizzato in sostanza ad andare incontro alle esigenze più disparate dei singoli lavoratori dipendenti in relazione al valore del loro stipendio. Dunque l’importo massimo del finanziamento dipende, in primo luogo, dal livello di retribuzione, il che, in alcuni casi, di finanziare importi considerevoli, ma non solo. Anche l’anzianità lavorativa del dipendente, come vedremo, ha una certa rilevanza.

I vantaggi della cessione del quinto Unicredit

Con il meccanismo della cessione del quinto, ottenere un finanziamento non finalizzato e rimborsabile in comode rate mensili non è solo semplice, ma anche vantaggioso. Trattandosi di un’operazione di credito in un certo senso “garantita”, una volta verificati gli indispensabili requisiti di ammissibilità per il trattamento da parte dell’istituto di credito – in questo caso l’Unicredit – le possibilità di vedersi il credito accordato sono davvero molto alte.

Altro punto di forza della cessione del quinto Unicredit, sta nel fatto che il rimborso, da effettuarsi tra i 24 ed i 120 mesi, viene trattenuto in maniera diretta e del tutto automatica dalla busta paga – o pensione nel caso di lavoratori pensionati – del lavoratore. Le parole chiave della soluzione di finanziamento offerta da Unicredit, come si evince dallo stesso sito del gruppo, sono semplicità e flessibilità: la semplicità sta nel fatto che non serve alcuna garanzia patrimoniale o immobiliare per accedere al prestito. La flessibilità è dovuta invece al fatto che non occorre alcun giustificativo di spesa per ottenerlo.

Unicredit, cessione del quinto 2017: opinioni, tassi e tempistiche

Per cominciare, le condizioni di accesso al credito per i dipendenti pubblici e privati e per i pensionati non sono uguali: in particolare ci sono delle differenze nell’importo massimo erogabile. Per quanto riguarda i dipendenti pubblici, il massimo erogabile sono 72 mila euro, per i dipendenti privati l’importo si abbassa ed il massimo erogabile sono 47 mila euro. Infine, con riferimento ai pensionati l’importo massimo 69 mila euro. Sono poi previste e garantite le coperture assicurative previste dalla normativa vigente, naturalmente a carico della banca.

Il credito è rinnovabile in alcuni casi: deve essere decorso un tempo minimo pari a due quinti della durata del prestito inizialmente concordato o, in alternativa, il cliente deve aver già provveduto al rimborso di almeno il 40% delle rate previste. In secondo luogo è richiesto che l’operazione da rinnovare sia di durata pari o inferiore a 60 mesi con una durata pari a 120 mesi. È importate sottolineare che in caso di rinnovo della cessione del quinto, si estingue il vecchio finanziamento, così il cliente ha diritto al rimborso pro-rata dei costi relativi – interessi, commissioni banca e così via.

L’Unicredit ha realizzato il così detto decalogo sulla cessione del quinto dello stipendio – o pensione –. Si tratta di uno stipendio molto utile, studiato specificamente per aiutare i consumatori a comprendere a pieno cosa sia la cessione del credito, come funzioni, quali sono i vantaggi nel richiederla, chi può richiederlo e concederlo e soprattutto quali sono i costi ad esso relativi. È una sorta di guida alla cessione, e si trova con grande semplicità on line. Sul decalogo sono indicati gli atti giuridici utili ad ottenere anche tutte le informazioni più tecniche e specifiche relative all’operazione. Questa iniziativa è stata accolta con enorme entusiasmo dai clienti della banca, che hanno potuto approfittare del decalogo per dirimere i loro dubbi e le incomprensioni che spesso attanagliano chi entra in rapporti con gli istituti di credito.

La gran parte dei clienti Unicredit si dice soddisfatto delle condizioni e dei vantaggi conseguenti all’attivazione della cessione del credito. Ogni lavoratore infatti ha un trattamento disegnato appositamente per lui, sulla base della sua specifica condizione economico finanziaria. Questo fa si che ragionevolezza e proporzionalità sono due requisiti davvero garantiti, sia per quanto concerne i tempi di erogazione che il tasso cui i prestiti vengono concessi. Non resta quindi che contattare la banca ed avviare la procedura ed ottenere tutti gli ulteriori chiarimenti utili ai fini di una decisione. Il rapporto con la propria banca non era mai stato così semplice.

Info sull'Autore

Lascia Una Risposta