Finanziamenti Regione Sardegna 2018 a fondo perduto: bandi agricoltura e start up

Pubblicato il 18 Mar 2018 - 7:02pm di Ubaldo Cricchi

Cerchiamo di scoprire quali sono le agevolazioni e i finanziamenti a fondo perduto disponibili nella Regione Sardegna in questo 2018: diamo un’occhiata ai bandi ancora aperti relativi alle start up, alle imprese attive nell’agricoltura e negli altri settori. Per ridare slancio all’economia del Paese e per promuovere lo sviluppo di determinate aree del territorio nazionale gli enti pubblici periodicamente lanciano delle iniziative volte ad incentivare la nascita e la crescita delle imprese: vediamo di cosa si tratta, approfondendo poi il discorso sulla Regione Sardegna.

Cosa sono i finanziamenti a fondo perduto: chi li eroga e come richiederli?

I finanziamenti a fondo perduto sono degli speciali prestiti erogati da enti istituzionali o dalle pubbliche amministrazioni (Europa, Stato, Regioni o altri enti locali) che si caratterizzano per il fatto che le somme erogate (o quanto meno una parte di esse) non solo non danno vita ad interessi, ma non devono neanche essere restituite. Il più delle volte l’obiettivo di queste agevolazioni è quello di favorire la nascita e la crescita di determinati tipi di imprese (ciascun bando spiega nel dettaglio chi sono i beneficiari e quali devono essere i loro requisiti, che tipo di contributo viene concesso, quali sono le spese finanziabili e le modalità di presentazione della domanda): si fa quindi fatica a chiamarli finanziamenti, visto che in realtà si tratta di veri e propri investimenti fatti dagli enti eroganti sulle imprese beneficiarie in modo da sviluppare l’economia della zona interessata. Naturalmente i finanziamenti a fondo perduto non sono l’unico strumento disposizione per raggiungere quello scopo: possiamo citare come esempio la possibilità di accedere al credito grazie a degli speciali fondi di garanzia e i prestiti a condizioni agevolate.

Come detto, i finanziamenti a fondo perduto vengono concessi con il lancio di bandi europei, statali o di enti locali (in particolar modo Regioni); a livello nazionali i fondi sono gestiti dall’agenzia Invitalia. I bandi possono prevedere delle scadenze oppure possono essere perennemente attivi, ma bisogna sempre controllare che i fondi a disposizione per quell’incentivo siano ancora disponibili. In base a quanto indicato dal bando, le agevolazioni possono riguardare imprese già costituite o che stanno per essere create, attive in specifici settori o dotate di determinate caratteristiche. Ci sono i fondi destinati esclusivamente ai giovani, quelli pensati per le imprese al femminile, quelli per le imprese che operano nell’ambito dell’agricoltura e così via. Questi finanziamenti rappresentano quindi una ghiotta opportunità per le imprese, ma bisogna tenere a mente gli obblighi legati alla loro fruizione e va considerato il fatto che i tempi di approvazione possono essere particolarmente lunghi.

Agevolazioni e finanziamenti della Regione Sardegna 2018: i bandi per start-up e imprese

Ora vediamo quali sono i finanziamenti nella Regione Sardegna disponibili in questa fase del 2018: una bella ricerca sul web ci permette di ottenere diverse informazioni interessanti relative ai bandi e agli incentivi riservate alle imprese che sono localizzate o hanno intenzione di localizzarsi nella splendida Regione; secondo il sito SardegnaImpresa nel momento in cui scriviamo ci sono 26 bandi e incentivi attivi.

  • Servizi per l’innovazione delle Micro Piccole e Medie imprese (scadenza 01/01/2021): l’obiettivo è quello di dare un sostengo alla realizzazione di un piano di innovazione aziendale per le imprese attive nei settore dell’industria e dei servizi.
  • Servizio per l’innovazione delle Micro Piccole e Medie imprese del settore turistico (scadenza 01/01/2021): in questo caso l’obiettivo è quello di fornire i servizi di innovazione e supportare l’innovazione per le MPMI attive nel settore turistico e culturale.
  • Programma COSME – Loan Guarantee Facility (scadenza 01/10/2020): si tratta di uno strumento a garanzia dei prestiti nell’ambito del Programma per la competitività delle imprese operanti nei settori dell’agricolutra, dell’industria, dei servizi e del turismo.
  • Programma COSME – Equity Facility for Growth (scadenza 01/10/2020: si tratta dello strumento di capitale proprio con lo scopo di favorire la crescita del programma per la competitività delle imprese.
  • Competitività per le MPMI dell’Ogliastra (scadenza 14/04/2018): l’obiettivo è quello di fornire un sostegno agli investimenti materiali e immateriali per aumentare la competitività delle micro, piccole e medie imprese già esistenti in Ogliastra e attive nei settori del turismo, della ricettività, della nautica, della pasta fresca e dei prodotti da forno.
  • Competitività per nuove MPMI ell’Ogliastra (scadenza 14/04/2018): si tratta di un’agevolazione simile a quella precedente, però dedicata alle nuove imprese dell’Ogliastra.
  • Resto al Sud (scadenza 01/01/2021): è un incentivo che mira allo sviluppo economico del Mezzogiorno sostenendo la nascita di nuove imprese avviate dai giovani nei settori dell’agricoltura, dell’industria, dei servizi e del turismo.
  • Sostegno alle imprese per progetti integrati per assunzione, adattamento degli ambienti e valorizzazione delle diversità (scadenza 01/06/2018): si intende sostenere le misure di Diversity Management con l’adozione di quelle misure che possono prevenire ogni tipo di discriminazione sessuale, razziale, religiosa o legata ad età e disabilità. L’obiettivo è quindi favorire l’inclusione lavorativa e sociale e valorizzare le competenze di tutti, in particolar modo dei soggetti svantaggiati.
  • Marchi +3 (scadenza 01/01/2021): lo scopo dell’agevolazione è quella di contrastare la contraffazione e diffondere la cultura brevettuale; in concreto si vogliono realizzare azioni che mirano al supporto delle imprese (in particolar e piccole e medie) per valorizzare i titoli di proprietà industriale. Agevolazione valida per i settori dell’agricoltura, dell’industria, dei servizi e del turismo.
  • Voucher Start-up (scadenza 29/12/2018): tramite una sovvenzione si vuole favorire la creazione e l’avvio di nuove imprese ad alto contenuto di conoscenza che, tramite la proposizioni di prodotti, servizi o sistemi innovativi, riescano ad intercettare nuove nicchie di mercato.
  • Promozione nei mercati esteri in favore di partenariati misti (scadenza 30/07/2018): si punta alla promozione dell’internazionalizzazione delle micro, piccole e medie imprese regionali (attive nei settori dell’agricoltura, del turismo, dei servizi e dell’industria) tramite proposte progettuali che verranno presentate e coordinate da partenariati.
  • Fondo Microcredito FSE (scadenza 01/07/2018): il Fondo vuole favorire l’accesso al credito di quei soggetti che faticano ad ottenerlo tramite i canali tradizionali e vogliono avviare nuove attività di impresa o microimpresa nei settori dell’industria, dei servizi e del turismo.
  • Invitalia Smart&Start (scadenza 31/12/2020): è un progetto valido per l’intero territorio nazionale e mira a sostenere la nascita di nuove start-up innovative contraddistinte da un alto contenuto tecnologico con lo scopo di promuovere l’economia digitale, favorire il rientro dei “cervelli in fuga” e dare valore ai risultati della ricerca tecnologica e scientifica.
  • Credito d’imposta per investimenti in Ricerca e Sviluppo (scadenza 31/12/2020): come si può facilmente intuire, l’obiettivo è quello di promuovere gli investimenti in ricerca e sviluppo da parte delle imprese dei settori del turismo, dei servizi, dell’agricoltura e dell’industria sia internamente che affidandosi a soggetti esterni.
  • SIMEST – Finanziamenti per l’internazionalizzazione (scadenza 31/12/2020): misura per incentivare la realizzazione di studi di fattibilità o prefattibilità in merito ad investimenti italiani in paesi extraeuropei.
  • SIMEST – Fondo Start-up per l’internazionalizzazione (scadenza 31/12/2020): interventi a condizioni di mercato volti all’aiuto in fase di avvio di progetti di internazionalizzazione in Paesi extra-UE da parte di piccole e medie imprese nazionali; il Fondo interviene con una partecipazione di minoranza (fino al 49%) nella nuova società che si occupa del progetto di internazionalizzazione.
  • Beni strumentali nuova Sabatini (scadenza 31/12/2018): con l’obiettivo finale di accrescere la competitività del sistema produttivo si cerca di migliorare l’accesso al credito delle MPMI attive nei settori dell’agricoltura, dei servizi, dell’industria e del turismo per l’acquisto di nuove attrezzature, nuovi impianti e nuovi macchinari.
  • MISE – Fondo di garanzia per le Piccole e Medie Imprese (scadenza 31/12/2020): con il Fondo di garanzia (quindi tramite la concessione di una garanzia pubblica) si vuole favorire l’accesso al credito delle piccole e medie imprese dei settori agricoltura, turismo, servizi e industria senza che debbano presentare ulteriori garanzie reali, bancarie o assicurative.
  • SFIRS – Fondo Regionale Finanzia Inclusiva (scadenza 31/12/2020): questo Fondo interviene per aiutare i beneficiari dei contributi comunitari a superare le difficoltà che incontrano per accedere alle garanzie fideiussorie richieste per l’erogazione degli anticipi; il Fondo supporta anche i soggetti svantaggiati, che non riescono ad accedere al credito o che sono a rischio di esclusione finanziaria nel normale mercato delle garanzie e del credito.
  • SFIRS – Fondo di Garanzia per le Piccole e Media Imprese (scadenza 31/12/2020): il Fondo è in grado di rilasciare garanzie (garanzia diretta, cogaranzia o controgaranzia) sulle linee di credito concesse da istituti di credito alle piccole e medie imprese dei settori dell’agricoltura, dell’industria, dei servizi e del turismo.
  • Invitalia Contratto di sviluppo di grandi investimenti (scadenza 31/12/2020): l’obiettivo è la promozione degli investimenti di importanti dimensioni proposti da imprese italiane ed estere (settori industriale, turistico e di tutela ambientale).
  • Invitalia Nuove Imprese a Tasso Zero (scadenza 31/12/2020): il bando vuole sostenere la nuova imprenditorialità favorendo la creazione in tutto il territorio nazionale di micro e piccole imprese a prevalente partecipazione femminile o giovanile e operanti nei settori dell’agricoltura, dell’industria dei servizi e del turismo. Le domande devono essere accompagnate dai piani di impresa.
  • Fondo Selfiemployment (scadenza 31/12/2020): il Fondo gestito da Invitalia permette l’erogazione di prestiti a tasso zero a favore dei giovani NEET (ovvero ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non hanno un lavoro e non sono impegnati in un percorso di studi o formazione) che vogliono avviare piccole iniziative imprenditoriali nei campi dell’industria, dei servizi e del turismo.
  • FRAI – Fondo Regionale per la Reindustrializzazione delle Aree Industriali (scadenza 31/12/2020): il Fondo è stato creato per supportare i processi di sviluppo competitivo e reindustrializzazione nei territori svantaggiati e nelle aree di insediamento industriali individuate dalle legge e con priorità indicate dalla giunta regionale per i settori agroalimentare, manifatturiero e turistico.
  • Fondo Venture Capital per la creazione e sviluppo di imprese innovative (scadenza 31/12/2020): lo scopo del Fondo è quello di rendere più semplice l’accesso ai canali di finanziamento alternativi rispetto al sistema bancario, con effetti immediati sul dimensionamento e le capacità di investire delle aziende attive nei settori dell’agricoltura, dell’industria, dei servizi e del turismo.
Info sull'Autore

Sardo trapiantato in Umbria, bachelor in informatica, sono un web designer e articolista. Convinto oppositore della scrittura in stile SMS, adoro gli animali e la musica.

Lascia Una Risposta