Lavoratori precoci, le novità del piano Boeri e riforma pensioni 2016: i sindacati spingono per Quota 41

Pubblicato il 26 Gen 2016 - 11:25am di Ubaldo Cricchi

In attesa che il Governo inizi a lavorare sulla riforma delle pensioni più volte annunciata per il 2016, in campo previdenziale continua a tenere banco il piano Boeri, che prevede novità anche per quanto riguarda i lavoratori precoci: il presidente dell’Inps propone di fissare una Quota 42/43, ma la proposta non ha scatenato grande entusiasmo.

La proposta del piano Boeri: 43 anni la soglia massima di contribuzione per i precoci

Il piano Boeri sulla riforma delle pensioni dei precoci prevede una soglia di contribuzione fissata a 42 anni per le lavoratrici e 43 per i lavoratori. La proposta non piace molto ai diretti interessati, ovvero quelle persone che hanno iniziato a lavorare molto presto, prima di compiere i 18 anni, che risulterebbero penalizzati dall’introduzione di un requisito anagrafico per il raggiungimento della pensione.

L’attuale normativa introdotta dalla riforma Fornero prevede che i precoci possano uscire dal mondo del lavoro dopo aver raggiunto i 42 anni e 10 mesi di contributi (12 mesi in meno per le lavoratrici); questi paletti sono però destinati a spostarsi verso l’alto per via dell’adeguamento alle aspettative di vita. Già nel 2019 ci sarà il prossimo gradino (e il requisito continuerà a crescere di due o tre mesi ogni biennio: nel 2045 saranno necessari 45 anni di contributi), a meno che non venga approntata quella riforma di cui da diverso tempo si sta parlando.

I sindacati vogliono la Quota 41, attesa per la riforma pensioni annunciata dal Governo

Con il suo piano, Boeri vorrebbe fissare a 42 e 43 anni la soglia massima di contribuzione per il raggiungimento della pensione da parte dei lavoratori precoci, escludendoli dall’adeguamento basato sulle speranza di vita. Ai sindacati la proposta non è piaciuta: si punta alla Quota 41, anche perché una buona parte della categoria dei precoci è composta da operai non qualificati che spesso svolgono lavori usuranti.

La riforma delle pensioni che il Governo a più riprese si è impegnato a preparare nel 2016 (rinviando a questo provvedimento tutto quello che non è stato inserito nella legge di Stabilità), promettendo novità anche per quanto riguarda i lavoratori precoci, una categoria che l’introduzione nel 2011 di nuovi criteri contributivi ed anagrafici ha penalizzato. Come è stato più volte ribadito, l’eventuale nuova riforma non intaccherà in modo pesante la struttura della legge Fornero, ma punterà ad inserire maggiore flessibilità in uscita.

Info sull'Autore

Sardo trapiantato in Umbria, bachelor in informatica, sono un web designer e articolista. Convinto oppositore della scrittura in stile SMS, adoro gli animali e la musica.

Lascia Una Risposta