Linkem Speed Test: come fare per ADSL, 4G e LTE, test velocità internet gratis e online

Pubblicato il 23 Set 2018 - 11:09am di Virginia Massullo

Verificheremo come fare lo Speed Test di Linkem e in che cosa consiste, ma soprattutto come verificare la velocità di Linkem, per ADSL, 4G E LTE.

Linkem Speed Test: come fare il test della velocità internet gratis e online

Una connessione internet non deve essere solo funzionante: la vera discriminante tra una buona connessione e una cattiva, si basa soprattutto sulla velocità della stessa. Per questo esistono dei test appositi chiamati Speed Test, che si occupano proprio di verificare la buona funzionalità della connessione internet. Il problema vero, infatti, riguarda il fatto che se la zona nella quale vi trovate non ha una buona copertura, allora sarà sempre difficile ambire ad una connessione internet veloce; per verificare le eventuali criticità comunque, esistono proprio dei misuratori, che si possono trovare e scaricare gratis online, e che permettono di sapere la velocità della connessione, controllando la sua operatività in download e upload, e in grado di rilevare quali siano le difficoltà in corso. Esistono due tipi principali di Speed Test, ma quello più comune e di facile accessibilità è quello che si può trovare online: si tratta dello Speed Test di Ookla, ad esempio, che è un misuratore molto semplice da usare, almeno in un primo momento, quando ci sia accorge che la velocità della connessione è rallentata, o che comunque ci sono dei problemi con internet. Una volta che grazie a questo tipo di Speed Test si ha la prova che ci sono delle problematiche effettive nella connessione, allora si può contattare l’assistenza per chiedere delle delucidazioni sul mancato funzionamento e procedere ad ulteriori verifiche. Uno Speed Test del genere, quindi, è semplice, veloce e gratis, ma non è un test certificato, cioè non potrà essere utilizzato in futuro in caso di disdetta o reclamo, se la connessione dovesse continuare a dimostrarsi malfunzionante.

Esistono infatti degli Speed Test ancora più attendibili che sono certificati, cioè che possono essere impugnati quando il provider continua a non funzionare o ad avere problemi di velocità; è il caso ad esempio dello Speed Test di AGCOM, che proprio grazie al fatto di essere certificato, dà la possibilità di vedersi rilasciato un documento che dimostri che l’operatore non ha rispettato le promesse fatte dal contratto sottoscritto al momento dell’abbonamento, nel caso si volesse procedere ad un reclamo o ad una disdetta definitiva. Prima di decidere comunque a quali di questi Speed Test ricorrere, è bene sapere che prima di procedere bisogna prendere delle piccole accortezze: il computer, infatti, non dovrà avere dei programmi attivi nel momento della verifica, e tutte le varie applicazioni dovranno essere chiuse. Inoltre lo Speed Test dovrà essere ripetuto più di una volta, sempre e solo con la connessioneche non dovrà essere attiva attraverso il wi-fi, ma con il pc che dovrà essere collegato ad internet solo con il cavo Ethernet. Ma come fare quindi nel caso si sia sottoscritto un abbonamento con Linkeme si voglia controllare lo stato della connessione? Partiamo subito col dire che Linkem garantisce nel proprio contratto di sapere solamente la banda massima che può raggiungere, ma non la banda minima; si potrà cioè certificare l’andamento di Linkem, nelle condizioni ottimali e di maggiore velocità, ma non si potrà sapere qual è la soglia più bassa che l’operatore garantisce in caso di traffico elevato.

Linkem Speed test: come fare per ADSL, 4G e LTE

Di Speed Test ne esistono tanti su internet, dunque, e li si può utilizzare anche nel caso si voglia verificare la velocità di connessione di Linkem, sia per ADSL che per 4G. Abbiamo detto di come Linkem non garantisca nel contratto una banda minima, ma solo una banda massima, che sarebbe di 20 Mega; benché sia sul mercato da ormai 17 anni, tuttavia il vero problema di un operatore come Linkem, sta proprio nella difficoltà ad essere in concorrenza con altri provider, che garantiscono una velocità effettivamente maggiore. Proprio per sopperire a questa difficoltà, Linkem, ha provveduto negli ultimi anni a passare da una tecnologia WiMax a quella LTE, per garantire un servizio migliore e stare al passo con il mercato. Tuttavia può capitare che comunque la connessione risulti lenta; in questo caso bisogna innanzitutto distinguere tra un problema che insorge casualmente e in maniera sporadica (la velocità della connessione a volte può dipendere da tanti fattori, come ad esempio le condizioni atmosferiche), oppure se è una difficoltà che insorge già dalle prime volte in cui si usa la connessione internet.

Al netto di fattori esterni, infatti, se il problema di velocità si manifesta fin da subito, allora verosimilmente l’operatore non sta rispettando le prestazioni garantite dal contratto che avete sottoscritto. Come fare per avere davvero la dimostrazione che la lentezza della connessione sia effettiva e non dipenda da altri malfunzionamenti? In questo caso allora è bene procedere ad uno degli Speed Test disponibili su internet, gratis e veloci, dei quali abbiamo parlato, stando attenti a effettuarlo con un solo dispositivo in funzione e con un browser che sia ben aggiornato. Una volta che si abbiano i risultati dello Speed Test, e che questo dimostri che effettivamente la qualità della linea in download e in upload sia carente, allora li si può impugnare per segnalare il cattivo funzionamento direttamente all’operatore, tenendo conto che quasi sempre quando vi si propone una certa velocità garantita, questa in realtà si riferisce alle performance massime che il provider può raggiungere, e che però non corrispondono quasi mai alla realtà dei fatti. Lo Speed Test, dunque, se ben fatto, non lascia spazio a dubbi e quindi è possibile usarlo sia per un eventuale reclamo o addirittura disdetta contro la compagnia, in questo caso parliamo di Linkem, o anche per paragonarlo ad altri operatori allo stesso costo di mercato.

Info sull'Autore

1 Commento finora. Sentitevi liberi di unirsi a questa conversazione.

  1. Bona Orlando 18 ottobre 2018 at 05:35 - Reply

    Richiesta di attivazione

Lascia Una Risposta