Migliori Università d’Italia 2015/2016, la classifica degli atenei statali e privati: in testa Verona e Bocconi

Pubblicato il 10 Dic 2015 - 12:59pm di Ubaldo Cricchi

Questo è un periodo decisivo per gli studenti che dovranno scegliere il loro futuro: dopo aver visto quali sono le migliori scuole superiori, è il momento di scoprire quali sono le migliori Università italiane; la classifica è stata stilata da Il Sole 24 Ore, che ha considerato ben 12 indicatori per valutare la qualità degli atenei.

Gli indicatori qualitativi utilizzati per redigere la classifica

Prima di vedere quali sono state dichiarate le migliori Università d’Italia, vediamo quali sono stati i parametri considerati. Nove indicatori fanno parte dell’area didattica e riguardano l’attrattività (misurata dal numero degli immatricolati che vivono fuori dalla Regione in rapporto al totale degli iscritti al primo anno), la sostenibilità (dimostrata dal numero di docenti di ruolo nelle materie di base), stage (numero di crediti ottenuti in stage in rapporto al totale), mobilità internazionale (numero di crediti ottenuti fuori dall’Italia in rapporto al totale), borse di studio (percentuale di studenti idonei che hanno ricevuto una borsa di studio), dispersione (misurata dalla percentuale di immatricolati che si iscrivono al secondo anno nello stesso ateneo), efficacia (rappresentata dalla media pro capite dei crediti ottenuti in un anno dagli iscritti), soddisfazione (giudizio espresso dagli stessi laureandi) e occupazione (dato Istat che rappresenta la percentuale di occupati dopo un anno dalla laurea). Gli altri tre indicatori fanno parte dell’area ricerca: ricerca (giudizio ottenuto nella valutazione Anvur sui prodotti di ricerca), fondi esterni (capacità di attrarre risorse esterne per progetti di ricerca), alta formazione (giudizi ottenuti nella valutazione Anvur sull’alta formazione). Visti i parametri su cui si basa la graduatoria, vediamo quali sono le migliori Università italiane che occupano i primi dieci posti.

Le migliori Università d’Italia: tra gli atenei statali vince Verona

Al decimo posto troviamo l’Università di Pavia, che nella classifica generale ha ottenuto un punteggio complessivo di 73 (figlio di un terzo posto nella speciale graduatoria relativa alla didattica e di un 17° posto in quella relativa alla ricerca). In nona posizione c’è l’Università Venezia Ca’ Foscari, sempre con 73 punti (diciannovesima in didattica e settima in ricerca). All’ottavo posto c’è l’Università Politecnica delle Marche con un punteggio generale pari a 74 (sedicesima in didattica e sesta in ricerca). Settima posizione per l’Università di Siena, anch’essa con 74 punti (decima in didattica, undicesima in ricerca). Al sesto posto c’è l’Università di Milano Bicocca, che ha ottenuto un punteggio di 75 (quindicesima in didattica, quarta in ricerca). Quinta posizione occupata dall’Università di Pavia, che raccoglie 77 punti (ottimo terzo posto in didattica, 17° in ricerca). Al quarto posto si piazza, l’Università di Bologna, l’Alma Mater, che ha ottenuto un punteggio generale di 81 (quarta in didattica e terza in ricerca).

Ed eccoci al podio delle migliori Università italiane. Il gradino più basso è occupato dall’Istituto Politecnico di Milano, 81 punti in classifica generale, ma primatista nella graduatoria relativa all’area didattica (non posto in quella dell’area ricerca). Secondo posto per l’Università di Trento, che ha guadagnato 82 punti (sesto posto in didattica, secondo in ricerca). La corona di miglior ateneo d’Italia spetta quindi all’Università di Verona, che ha ottenuto un punteggio di 88; l’ateneo della città scaligera ha ottenuto il secondo posto nella classifica dell’area didattica e il primo per quella relativa all’area ricerca.

Istituti privati: la migliore Università è la Bocconi di Milano

Fin qui abbiamo parlato solo delle migliori Università statali; per quanto riguarda gli atenei non statali il podio è composto dall’Università San Raffaele di Milano, che con 79 punti conquista il terzo posto (sesto in didattica, primo in ricerca), dall’Università LUISS di Roma, secondo posto con 79 punti (quarto in didattica, undicesima in ricerca) e dalla “vincitrice”, ovvero l’Università Bocconi di Milano, che con 86 punti primeggia tra gli atenei privati e risulta essere seconda in un’ipotetica classifica globale (guidata dall’Università di Verona); per la Bocconi primo posto nell’area didattica e terzo in quella della ricerca.

Info sull'Autore

Sardo trapiantato in Umbria, bachelor in informatica, sono un web designer e articolista. Convinto oppositore della scrittura in stile SMS, adoro gli animali e la musica.

Lascia Una Risposta