Il Movimento 5 Stelle non sta facendo nulla

Pubblicato il 27 Giu 2013 - 7:06pm di Piotr Zygulski

Il Movimento 5 Stelle è proprio come tutti gli altri, anzi, è peggio

Movimento-5-StelleCome ogni gruppo parlamentare presenta quotidianamente interpellanze, ordini del giorno, risoluzioni, interrogazioni e proposte. Tra le ultime, quella per sospendere l’IMU alle aziende e per congelarne la rata a terremotati e alluvionati titolari di case inagibili, tentativo prontamente sventato da PD e PDL. Se hanno subito qualche disastro naturale, significa che se la sono cercata, in qualche modo. Come disse anche un noto professore del CNR, Roberto De Mattei, la calamità sono castighi divini.

Il Movimento 5 Stelle ha donato persino 420 mila euro al comune di Mirandola, per ingraziarsi qualche elettore in più. Questi grillini sono intervenuti invocando il ritiro delle truppe dalle missioni di pace e per fermare gli elicotteri salvavita F35, come ha voluto sottolineare anche l’onorevole Boccia del Partito Democratico. Se non vuole le missioni di pace e la democrazia che gli Stati Uniti d’America stanno eroicamente esportando in tutto il mondo, evidentemente il Movimento 5 Stelle vuole la guerra, il populismo e i totalitarismi. Su questo versante Grillo è a buon punto, infatti si ispira principalmente ai più grandi dittatori passati e presenti. Per non parlare dell’attività parlamentare contro il TAV, simbolo della modernità e del progresso ingegneristico, oltre a quella contro lo sviluppo edilizio italiano, contro i benefici che si verranno a creare con la completa privatizzazione delle risorse idriche. Sono proprio contro tutto. Altre volte si sono detti preoccupati per  i dipendenti scioperati delle aziende già di per sé in difficoltà, infierendo ancor più su di loro. Ad esempio le patetiche lacrime della signora Serra sull’Alcoa e sulla Vinyls fanno sorridere nella loro ostinata incapacità di rassegnarsi alle leggi del mercato. Posizioni veterosindacaliste che non sono sostenute neppure dalle organizzazioni di categoria.

Citiamo inoltre che la loro difesa degli evasori che si vedrebbero tutelati dall’impignorabilità dell’abitazione principale. Non potendo pignorare il corpo dei debitori, come si è sempre fatto sin dall’antichità, poter pignorare la casa dovrebbe essere il minimo. Per non parlare poi di quelli che definiscono sprechi parlamentari, che vivono con uno stipendio di sussistenza inferiore ai ventimila euro al mese, ma soprattutto di tutti quelli extraparlamentari, ad esempio riguardo le società in house che danno lavoro ai tanti che non sono riusciti ad entrare in parlamento, alle loro famiglie e agli amici. Si tratta di un attacco alle istituzioni senza precedenti.

Alla Camera dei Deputati Carla Ruocco ha pronunciato parole deliranti e altrettanto farneticanti sono le continue e violente insinuazioni di Carlo Sibilia contro il benemerito Gruppo Bilderberg, contro il Meccanismo Europeo di Stabilità, che assicura il benessere della nostra gente, contro l’Eurogendflor, che garantirà sicurezza per tutti, contro il Fiscal Compact. Ripeto, sono proprio contro tutto. Insomma, il Movimento 5 Stelle è un pericolo per la democrazia perché mina le basi stesse dell’attuale sistema economico e europeo, quello che, grazie alla libera circolazione di merci e capitali, ha garantito pace e prosperità sin dalla sua istituzione. Per questo motivo infatti l’Unione Europea è stata insignita del Premio Nobel della Pace, assegnato sino ad ora solo a grandi interventisti umanitari quali Barack Obama, cui si ispirano anche i politici italiani più progrediti: Matteo Renzi, per citarne uno, che nutre di una stima bipartisan, e mette fine alle divisioni alimentate dai populismi che stanno lacerando il nostro paese.

Qui potremmo raccontare anche le malefatte dei grillini Businarolo e Colletti, vorrebbero eliminare dal decreto svuota carceri i benefici di cui potrebbero godere Silvio Berlusconi, Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti (una delle bellezze italiane invidiate in tutto il mondo) in caso di condanna, ossia nell’eventualità di un chiaro gesto politico da parte di una magistratura politicizzata che fa di tutto per eliminare in sede giudiziaria il principale sostenitore del Governo Letta e non solo.

Il Movimento 5 Stelle ha fatto uso di un becero “ostruzionismo”, da loro ribattezzato “costruzionismo”. In realtà è stato solo distruzionismo velleitario, come quello per cercare di estirpare ogni riferimento al TAV, a una variante del Terzo Valico, ma anche alla riforma delle Camere di Commercio pazientemente incastonato nel “Decreto Emergenze Ambientali”, che prevede anche provvedimenti per quei disgraziati colpiti da calamità naturali, perché qualche elemosina bisogna pur farla, ogni tanto. In questo caso, come ha titolato correttamente l’Unità, Grillo ha mostrato il suo vero volto contro i terremotati perché non si è ancora deciso di votare la fiducia all’Esecutivo.

Abbiamo in questo modo dimostrato, senza alcun timore di essere sbugiardati, che il Movimento 5 Stelle non fa nulla in parlamento, eccetto rompere le uova nel paniere, anche perché purtroppo è il gruppo parlamentare più presente in aula.

Info sull'Autore

Piotr Zygulski nasce a Genova da padre polacco e madre italiana, vive da sempre a Cogoleto (GE) dove è impegnato in numerose attività sociali e culturali, tra cui quella di segretario della Consulta Giovanile comunale. Si è diplomato a pieni voti con la tesina "Costanzo Preve: la passione durevole della filosofia" pubblicata nel 2012 dalla casa editrice Petite Plaisance di Pistoia. Attualmente frequenta il corso di laurea in Economia e Commercio all'Università di Genova. Collabora inoltre saltuariamente con le riviste online Comunismo e Comunità, Megachip e Arianna Editrice.

13 Commenti finora. Sentitevi liberi di unirsi a questa conversazione.

  1. Toni 28 giugno 2013 at 08:27 - Reply

    Hai dimenticato di citare la feroce, sanguinaria e spietata guerra degli scontrini; le incandescenti riunioni a porte chiuse e streaming spento in cui ci si sbranava per il costo di un panino! E hai dimenticato di citare i quattro eroi dissidenti che hanno immolato ai loro ideali l’appartenenza al Movimento. Si, quegli stessi ideali che hanno fatto grande l’Italia del ventennio, non quello Littoriano, ma quello più prosaico ed utilitaristico del Berlusconesimo e dei suoi seguaci più accaniti: i Piddini. D’altronde, con un Movimento che ha a capo un comico fallito ed un capellone emulo di antichi e più famosi profeti, cosa potevi aspettarti? Che rifiutassero l’accordo di governare col PD e costringessero quest’ultimo a pronunciare la fatidica frase, quella che in campagna elettorale era una bestemmia: l’inciucio. Comunque bell’articolo, ben scritto e divertente, l’allusione a Roberto De Mattei è una chicca!

    • Piotr Z 28 giugno 2013 at 19:56 - Reply

      Grazie, posso consolarmi del fatto che c’è qualcuno che ha compreso i toni del mio articolo.

      • Daniele 28 giugno 2013 at 20:21 - Reply

        ahahahahah il sig. toni ha capito proprio tutto!!! evviva l’ignoranza!!! 🙂
        Bell’articolo cmq 😉

  2. claudio 28 giugno 2013 at 10:00 - Reply

    eccellente sarcasmo…vai grillo primo partito…

  3. Maurizio 28 giugno 2013 at 10:12 - Reply

    Confesso di non sapere cosa sia l’Eurogendflor… ma cribbio!!! lo sanno tutti che gli F35 sono AEREI!!!! altro che elicotteri!!!!!

    • Piotr Z 28 giugno 2013 at 19:51 - Reply

      La parola “Eurogendfor” è dotata di collegamento ipertestuale che rimanda ad un altro articolo. Comunque l’Eurogendfor – European Gendarmerie Force – è una polizia europea sovranazionale, istituita con il Trattato di Velsen, e dotata di poteri straordinari. E’ a disposizione dell’Unione Europea, della Nato, dell’Onu e dell’Ocse; non risponde ad alcun parlamento ma solo ad un comitato interministeriale. Pare che sia intervenuta anche in Grecia.

  4. io 28 giugno 2013 at 12:52 - Reply

    siete ignoranti come una zappa!! gli F35 sarebbero “elicotteri salvavita”??? UAUAUUAUAAUAU e gli USA esportano la democrazia??? MUAUAUAUAUAAA

    • Piotr Z 28 giugno 2013 at 19:52 - Reply

      Sono l’autore dell’articolo, grazie per il complimento che potrei girare a mia volta a chi non ha compreso la palese chiave antifrastica del pezzo.

  5. admin 28 giugno 2013 at 18:07 - Reply

    Sul contenuto ovviamente risponderà l’autore dell’articolo. Rispondo solamente a chi ci da degli “ignoranti come una zappa” (ma la zappa è ignorante? 🙂 ) che era, ovviamente, sarcasmo e ironia in riferimento alle affermazioni dell’On. Boccia:

    http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/POLITICA/boccia_f35_twitter_gaffe_pd/notizie/296714.shtml

  6. Luigi Filippo Palazzini Finetti 29 giugno 2013 at 15:00 - Reply

    FAREI MOLTA ATTENZIONE A SCRIVERE ARTICOLI DI QUESTO TIPO… RICORDO ALL’ AMICO PIOTR, IL QUALE FORSE PECCA DI ECCESSIVA ALTRUISTICA SOPRAVVALUTAZIONE CHE C’è TANTA TANTA TANTA GENTE, CHE LEGGE SOLO IL TITOLO….QUNDI CI SONO OTTIME POSSIBILITà CHE A LIVELLO PUBBLICISTICO SI SIA FATTO PIù DEL MALE CHE DEL BENE AL M5S, A DESCRIVERE IN CHIAVE ANTIFRASTICA LA SUA SPLENDIDA AZIONE POLITICA… SALUTI DA BERLIN (ove fino al 3 sono amorevolmente recluso in luna di Miele con tanto di dolce metà)

    • Piotr Z 29 giugno 2013 at 19:42 - Reply

      Era semplicemente per avere una conferma della superficialità di molti. Significa che, quanto ad autocoscienza, c’è molto da fare. Ma non ci scoraggiamo, continuiamo a lavorare con fede operosa nell’uomo.

  7. fausto 29 giugno 2013 at 23:13 - Reply

    “…ma anche alla riforma delle Camere di Commercio pazientemente incastonato nel “Decreto Emergenze Ambientali”….”.

    Questo è un capolavoro: abbiamo ancora menti brillanti in parlamento! Se solo volessero usare meglio cotanto ingegno….

  8. roscioli giuseppe 4 luglio 2013 at 12:39 - Reply

    una volta nel muro della piazza del mercato della cittò in cui vivevo c’era una frase “coloro che non amano portare le proprie armi finiscono col portare quelle degli altri”. questa frase mi è tornata in mente quando i telegiornali di ieri e anche di oggi, hanno trasmesso la notizia che il Consiglio dI Difesa ha sancito che, a proposito degli aerei “salvavita” F35, il Parlamento (sovrano solo quando è conforme ai veri poteri ) non può intervenire vietandone l’acquisto essendo questa una prerogativa del governo bilbergheriano (i famosi “altri” di cui sopra.

Lascia Una Risposta