Pensioni, part time per gli over 63: il meccanismo di flessibilità che il Governo Renzi inserirà nella manovra

Pubblicato il 15 Ott 2015 - 10:08am di Ubaldo Cricchi

Nella legge di stabilità verrà inserita un tipo di flessibilità che potrebbe alimentare una serie di polemiche: anziché consentire la pensione anticipata si pensa all’introduzione del part time per chi ha compiuto i 63 anni e 7 mesi d’età. Il lavoratore in pratica potrà mettersi d’accordo con il suo datore di lavoro per un part time al 60-40%: l’impresa continuerà a versar i contributi netti e il lavoratore avrà i contributi netti: quando andrà in pensione il suo assegno mensile non subirà penalizzazioni.

Part time anziché pensioni anticipate: la flessibilità nella manovra

La soluzione studiata dal team del ministro Poletti non è direttamente collegata a nuove assunzioni, ma permetterebbe alle imprese di svecchiare in modo graduale i loro occupati. L’opportunità di richiedere il part time verrà data ai lavoratori che dal 2016 avranno almeno 63 anni e 7 mesi di età: questo strumento di flessibilità ha quindi una finestra di tre anni per essere utilizzato. Per lo Stato il costo è rappresentato dai contributi figurativi, ma questi andranno ad intaccare il deficit e non il debito.

Nella legge di Stabilità, che verrà approvata oggi dal Consiglio dei Ministri, è prevista anche una misura di solidarietà espansiva attraverso gli accordi collettivi. Si tratterebbe di una sorta di scivolo per i lavoratori a cui mancano due anni per raggiungere la pensione e che possono scegliere il part time (almeno al 50%), a condizione che ci siano nuove assunzioni. Le aziende che sceglieranno questo regime otterranno degli sgravi per le assunzioni dei giovani.

Governo Renzi, sì alla salvaguardia esodati ma forse non per tutti

Il part time per gli over 63 e il rinnovo dell’Opzione Donna costerebbero allo Stato 2,5 miliardi nell’arco di tre anni. Nella manovra è prevista anche la settima salvaguardia per gli esodati, anche se ci sono ancora dei dubbi su quanti saranno i soggetti tutelati, e un allargamento dei confini della no-tax area per i pensionati. La previdenza è ancora uno dei principali argomenti di discussione quando si parla della legge di Stabilità.

In merito agli interventi che verranno inseriti nella manovra Cesare Damiano ha detto di essere disposto ad esaminare una soluzione come quella del part time per gli over 63, aggiungendo però che una misura di questo tipo non può essere considerata come un’alternativa ad un intervento strutturale mirato alla flessibilità.

Info sull'Autore

Sardo trapiantato in Umbria, bachelor in informatica, sono un web designer e articolista. Convinto oppositore della scrittura in stile SMS, adoro gli animali e la musica.

Lascia Una Risposta