Prestiti cambializzati veloci a domicilio tra privati: come ottenerli in tutta Italia

Pubblicato il 21 Apr 2018 - 10:04am di Pietro Paolucci

Fra i finanziamenti veloci e non finalizzati i prestiti cambializzati tra privati a domicilio sono una delle soluzioni finanziarie più comuni in questi ultimi tempi. Per questo motivo vediamo di far chiarezza nei paragrafi che seguono parlandone in lungo e in largo e affrontando tutte le questioni che chi è alle prime armi ma non solo potrebbe trovare difficili da risolvere. Di seguito vediamo di cosa si tratta, parliamo delle procedure necessarie per ottenerli in tutta Italia e rassegneremo qualche esempio di prestiti cambializzati veloci a domicilio tra privati.

Cosa sono i prestiti cambializzati tra privati? Tutto ciò che c’è da sapere

Questo primo paragrafo è dedicato a coloro i quali sono digiuni di prestiti cambializzati tra privati e soluzioni simili, e necessitano quindi di ricevere alcune informazioni in più per potersi districare in un mondo in cui è facile perdersi se non si hanno gli strumenti e le informazioni adatte e necessarie.

Ebbene, quando si parla di prestiti cambializzati tra privati c’è innanzitutto da tenere a mente che sono una soluzione finanziaria non finalizzata e che non abbisognano di particolari garanzie per beneficiarne. E ciò vuol dire che al momento della richiesta non sarà chiaramente obbligatorio specificare le motivazioni che ci hanno spinto a richiederli.

Di norma i prestiti cambializzati sono veloci e necessitano di tempi più brevi per essere erogati, erogazione che viene poi soddisfatta, si capisce, sotto forma di cambiali che il richiedente deve pagare di mese in mese all’altra parte coinvolta.

Prima di entrare nello specifico c’è da chiarire un punto che potrebbe essere cruciare per comprendere ciò di cui stiamo parlando. Nel momento in cui si parla di prestiti cambializzati tra privati bisogna tenere a mente che ci si riferisce in ogni caso a una tipologia di strumento finanziario che è alternativo ai prestiti cambializzati standard, ossia a quel tipo di finanziamento cambializzato che passa in via esclusiva attraverso le banche, le società finanziarie o i mediatori creditizi ad esempio.

Ebbene, posto questo ne consegue dunque che i prestiti con cambiali fra privati coinvolgono ugualmente due parti, il debitore e il creditore, ma, come intuibile, trattasi di soggetti privati che escludono da ogni trattativa istituti di credito, banche e finanziarie di qualunque genere e tipologia.

Come richiedere un prestito con cambiali tra privati e perché preferirlo a un prestito personale standard?

Nel precedente paragrafo, nonostante abbiamo parlato di prestiti cambializzati fra privati e di alcune delle informazioni generali che sono necessarie per comprendere a grandi linee il tipo di strumento finanziario in oggetto, non abbiamo fatto menzione, di proposito ovviamente, a una questione piuttosto premente.

Parliamo in questi termini delle cause e delle motivazioni che potrebbero spingere una persona a preferire i prestiti cambializzati rispetto a soluzioni più comuni come i finanziamenti personali o soluzioni similari. Ebbene, la risposta è semplice. Di norma richiedere a una banca o a un istituto di credito un prestito personale o un aiuto economico equivalente è una questione semplice per taluni e impossibile per altri.

Coloro i quali hanno una segnalazione come protestato, come cattivo pagatore o semplicemente non dispongono di un reddito continuo debbono fare i conti con la quasi certezza di vedersi respingere la domanda di prestiti personali per ovvi motivi.

Tutto questo per dire che proprio in casi del genere la soluzione in oggetto può tornare utile. Il motivo? Come accennavamo nelle prime battute del precedente paragrafo i prestiti cambializzati fra privati non necessitano della presentazione dei fini che hanno spinto il richiedente a farne domanda né di particolari garanzie.

Avrete compreso dunque che nel momento in cui una persona si trova in una situazione particolare, difficile finanziariamente parlando, dovrà fare i conti con varie difficoltà nel momento in cui va a rivolgersi a una banca o a un istituto di credito per ottenere liquidità elevata o minima che sia. Ed ecco perché il prestito cambializzato fra privati è una soluzione piuttosto diffusa e utilizzata in questi tempi.

Riassumendo, il motivo principale per il quale il richiedente non può fare altro che optare per i prestiti cambializzati fra privati è nel caso in cui il richiedente ha una segnalazione attiva come protestato (colui che ha ricevuto un protesto, quell’atto pubblico per mezzo del quale viene attestata l’avvenuta presentazione di un assegno o di una cambiale al debitore e il rifiuto da parte di quest’ultimo di pagare o accettarne il titolo).

Altre situazioni che obbligano colui che ha bisogno di liquidità a riferirsi in via esclusiva al prestito cambializzato fra privati è nel momento in cui si è iscritti come cattivi pagatori al registro del Crif (il gestore del sistema di informazioni creditizie) o ancora, situazione assai più comune delle precedenti, nel caso in cui non si posseggono le garanzie necessarie per beneficiare di un prestito classico, garanzie che possono essere ad esempio un reddito continuo o la mancata possibilità di presentare un garante che assicuri per sé.

Se ciò non bastasse a raggruppare i casi specifici per i quali la soluzione finanziaria in questione torna di estrema utilità bisogna considerare pure altri casi specifici. Accenniamo in questo caso ai lavoratori autonomi da una parte, e ai disoccupati dall’altra che, assieme a coloro i quali non hanno a disposizione una busta paga regolare che garantisca la possibilità di accedere alla somma di denaro ricercata, formano un altro macro gruppo dei soggetti bisognosi, per così dire.

Ecco spiegate le principali motivazioni che spingono tante persone a informarsi e a cercare notizie e soluzioni sui finanziamenti cambializzati fra privati. A queste motivazioni più stringenti si aggiungono poi tanti altri casi, più o meno soggettivi che potrebbero indurre ad optare per i prestiti cambializzati fra privati al posto delle soluzioni più standard.

Ne sono un esempio gli alti costi che un privato si trova a far fronte nel caso in cui ci si rivolgesse a una banca o a un istituto finanziario con spese bancarie e interessi elevati annessi. Piuttosto, nella maggior parte dei casi la tipologia di finanziamento in questione permette di risparmiare e riesce ad essere meno costosa. Di questo. Del funzionamento e degli altri vantaggi dei prestiti cambializzati fra privati ci occupiamo nel paragrafo a seguire.

Come funzionano i prestiti cambializzati fra privati a domicilio?

Ora che sappiamo più o meno di cosa si tratta, parlare del funzionamento dei prestiti cambializzati fra privati diventa molto più semplice. Coloro i quali decidono di fruirne per i vantaggi che abbiamo riportato lungo le righe del precedente paragrafo come ad esempio la convenienza che tale soluzione offre in molti casi rispetto ai prestiti cambializzati offerti da banche e istituti di credito (per la semplice ragione di tassi e spese spesso più bassi) potrebbero trovarsi tuttavia in difficoltà per quanto riguarda il funzionamento.

Ebbene, in prima analisi bisogna sapere che la soluzione finanziaria in questione necessita, si capisce, di due soggetti distinti: colui che presta il denaro e colui che riceve che la riceve. Tutto sta nella sicurezza e nella fiducia reciproca delle due parti, questione che va approfondita naturalmente e non ha come unica via alternativa il passaggio per una banca o per una società finanziaria, anzi.

Per far sì che il rapporto fiduciario si attui su basi più o meno solide esistono anche degli strumenti online di cui parleremo di seguito. Comunque, i prestiti tra privati con cambiali, di norma avvengono fra persone che si conoscono e che hanno già un rapporto di amicizia o di parentela che va al di là del rapporto economico che si andrebbe a instaurare in questo modo.

Questo è un esempio di rapporto di fiducia alla cui base tale pratica viene effettuata, pratica che, in caso di insolvenza darà la possibilità tuttavia al creditore di far valere il proprio diritto a rientrare le somme prestate mediante il deposito giudiziario delle cambiali, atti che diventano esecutivi a tutti gli effetti.

Prestiti cambializzati fra privati: alternative e nuove possibilità accessibili da tutta Italia

Il mondo del web, come accennavamo nel paragrafo precedente ha cambiato in maniera definitiva il mondo, compreso quello finanziario che, grazie al lancio di nuovi strumenti e trovate ha visto nuova luce su vari fronti. Per quanto riguarda il nostro argomento specifico, i prestiti cambializzati fra privati, hanno goduto in questi ultimi anni di uno sviluppo sempre più massiccio grazie alla nascita di siti web noti come Social Lending.

Si tratta in pratica di portali web, accessibili e fruibili chiaramente da tutta Italia dedicati proprio a coloro i quali decidono di erogare e richiedere prestiti garantiti da cambiali. Qui le due persone, magari distanti centinaia di chilometri, nonostante non si conoscano come nel precedente caso passato in rassegna, prendono accordi seguendo linee guida differenti per quanto riguarda il rapporto fiduciario e la garanzia.

In soldoni, il primo passo è stabilire qual è l’entità della somma e gli eventuali interessi a debito da applicarvi. Fatto questo, lo step successivo riguarda l’acquisto di un numero di cambiali equivalente al numero delle rate mensili che sono state stabilite dalle due parti per quanto concerne il rimborso della somma di denaro concordata. Ciò vuol dire che un periodo di rimborso diviso in 24 rate equivarrà all’acquisto di un numero eguale di cambiali, compito questo a carico del debitore naturalmente.

Sempre quest’ultimo dovrà prestare particolare attenzione alla compilazione delle cambiali compilando la data di scadenza in corrispondenza con la data del versamento della somma. Il tutto sarà poi convalidato dalla firma del debitore stesso. Fatto questo, il creditore può erogare la somma stabilita in precedenza: se è inferiore ai 3.000 euro in contanti come da legge, se superiore tramite assegno normale o circolare oppure tramite bonifico bancario.

Opinioni e pareri sui prestiti a domicilio cambializzati fra privati

Posto tutto ciò concludiamo con qualche opinione e parere che può essere alfine utile nel momento in cui si sta ponderando la richiesta di un prestito cambializzato fra privati. È qui che tornano in sostanza i punti fondamentali del discorso finora tracciato. Protestati, cattivi pagatori, disoccupati o chi non ha particolari garanzie da poter esibire al creditore, alla banca, o all’istituto di credito non hanno molta scelta se non affidarsi a questo strumento finanziario nel caso in cui occorresse liquidità.

I prestiti cambializzati fra privati possono chiaramente ovviare a tutti questi casi particolari sebbene i rischi di incorrere in tassazioni elevate ci sono lo stesso. Certo, tutto dipende dal creditore a cui vi affiderete, ma, a patto di non conoscere familiari o amici particolarmente generosi, nel caso in cui abbiate garanzie piuttosto minime o pressoché nulle, il creditore deve naturalmente tutelarsi e innalzare parecchio l’asticella sotto forma di interessi. D’altronde i rischi sono soltanto dalla parte del creditore che, bisogna tenere a mente, sarà sempre in grado di far valere le cambiali come atti esecutivi a tutti gli effetti. Ne consegue poi il pignoramento dei beni, la vendita e dunque il rientro del credito versato a beneficio del creditore.

Per queste ragioni bisogna valutarne i pro e i contro e prendersi ogni responsabilità prima di rischiare situazioni di questo tipo perché alla fin dei conti, se tutto venisse ponderato bene, i prestiti cambializzati fra privati sono senza dubbio una soluzione particolarmente interessante e conveniente proprio perché dà la possibilità a tutti o quasi di poter beneficiare di una qualche somma di denaro senza documentare particolari garanzie.

Info sull'Autore

Lascia Una Risposta