Prestito con Delega di Pagamento: offerte online per pensionati INPS, BNL, Findomestic e Unicredit

Pubblicato il 1 Ago 2018 - 11:11am di Sara Di Terlizzi

Nell’articolo di oggi parleremo di prestiti con delega di pagamento. Questo particolare tipo di prestito consiste in un prestito che permette a chi è titolare di una cessione del quinto dello stipendio, o in questo caso della pensione, di aumentare l’importo del prestito.

Il rimborso viene quindi trattenuto dallo stipendio, o dalla pensione, e non dovrà superare il 40% di questo. Vediamo meglio di quali tipi di prestito stiamo parlando, di che banche lo erogano e di come poter trovare le migliori offerte online.

Continuate a leggere per non perdervi nulla.

Offerte online prestito delega pagamento per pensionati INPS

L’INPS deroga determinati prestiti direttamente a chi ha i requisiti per riceverli. È possibile infatti richiedere un prestito INPS se iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, quindi se si è dipendenti pubblici o pensionati.

Possono richiedere questo prestito anche gli iscritti d’ufficio alla gestione assistenza magistrale e i dipendenti delle aziende del gruppo poste italiane Spa.

I pensionati possono inoltre richiedere il prestito bancario secondo la formula cessione del quinto. Il prestito della cessione del quinto è l’anticipato prestito con delega di pagamento. Permette quindi di richiedere una somma maggiore, trattenendola dallo stipendio, o in questo caso, dalla pensione. La somma di denaro non deve però superare il 40% della pensione mensile, in quanto questo comporterebbe uno svantaggio nella vita del pensionato.

Questo credito erogato dall’INPS è finanziato dal Fondo Credito, che viene alimentato dall’applicazione dell’aliquota contributiva Fondo Credito, attraverso la retribuzione degli iscritti in attività e dei pensionati che hanno aderito alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Vengono applicate diverse quote, in diverse percentuali, per ogni aliquota contributiva al Fondo Credito.

Nella Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali viene richiesto lo 0,35%. Per quanto riguarda coloro che sono iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale, viene richiesto lo 0,80%. Questi conservano l’accesso ai finanziamenti gestiti dal fondo ex ENAM.

Lo 0,35% tocca invece ai dipendenti che sono iscritti alla Gestione Fondo Credito gruppo poste italiane.

Infine, i pensionati che aderiscono alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali nei termini previsti, dovranno applicare lo 0,15%.

Per poter accedere ai prestiti direttamente online, dovrete andare sul sito ufficiale dell’INPS. Questo però non basta.

Infatti l’accesso online ai servizi dell’INPS è consentito solamente se siete in possesso di un codice PIN. Questo codice viene rilasciato direttamente dall’Istituto o di una Carta Nazionale dei Servizi o di un’identità SPID, di livello 2 o superiori.

Le credenziali sono personali e non cedibili ad altri.

Ogni azione che andrete a fare una volta effettuato il login, viene tracciata ed è imputabile al vostro nome. Una volta che avrete effettuato l’accesso per la prima volta, il sistema richiederà una modifica del PIN. Il nuovo codice dovrà essere di soli 8 caratteri. Ogni sei mesi, il codice PIN deve essere modificato.

Una volta effettuato l’accesso potrete accedere all’area prestiti del sito. In questa sezione troverete tutte le informazioni necessarie al prestito con delega di pagamento, e le offerte relative al mese corrente. Qui potrete inoltre valutare se questo prestito fa al caso vostro, grazie ad un innovativo sistema che permette di simulare il vostro conto, la vostra pensione, e quello che succederebbe in caso richiedeste il prestito con la cessione del quinto.

L’INPS è quindi stata molto chiara nello stabilire quali tipi di prestito è in grado di concedere e come ottenerli.

Prestito con Delega BNL

Abbiamo visto i prestiti concessi direttamente dall’INPS, ora cerchiamo di vedere come richiedere un prestito con delega di pagamento online, dalle principali banche italiane. La prima che andremo ad analizzare è la BNL.

Anche questa banca infatti permette ai pensionati di poter usufruire del servizio di cessione del quinto.

La BNL opera in convenzione con l’INPS permettendo quindi ai pensionati di accedere ai finanziamenti e ai tassi di interesse fissi e vantaggiosi.

Come anticipato, attraverso questo tipo di prestito, il rimborso delle rate avviene direttamente trattenendo una piccola parte della pensione del soggetto. Non deve essere l’unico prestito richiesto, infatti, il prestito con delega di pagamento permette di essere compatibile con altre forme di finanziamento, e non necessita dell’apertura di un conto corrente in questa banca.

I tassi sono invariabili, e rimangono fissi. Mentre per quanto riguarda le tasse, rimangono invariate per tutta la durata del finanziamento, in modo da non avere brutte sorprese. La cessione del quinto della pensione è un finanziamento garantito dalla legge, in quanto coperto da un’assicurazione sulla vita, finanziata dalla stessa BNL. È possibile richiedere un finanziamento da 24 a 120 mesi.

Le caratteristiche principali di questo conto sono poche e semplici. L’importo finanziabile arriva fino a 90.000 euro di montante, ovviamente nei limiti del quinto cedibile della pensione che richiede il prestito.

La rata è mensile e ha un importo minimo di 50 euro, fino ad un massimo del 40% della propria pensione.

In caso si volesse estinguere il totale del finanziamento, o un parziale, è possibile farlo. L’erogazione del prestito viene fatta su C/C BNL o di un altro istituto bancario, mentre l’addebito avviene direttamente dalla pensione, ogni mese.

Per poter richiedere il finanziamento è necessario presentare un documento di identità, il codice fiscale e il cedolino della pensione.

Sul sito BNL troverete diverse offerte ogni mese, potete inoltre richiedere un consulto compilando il modulo online.

Prestito con delega di pagamento Findomestic

Abbiamo quindi visto la possibilità di richiedere un prestito con delega di pagamento alla BNL, ora vedremo come richiederlo alla Findomestic e le informazioni più importanti relative a questo prestito.

Il prestito con delega di pagamento della Findomestic ha una rata fissa, versata direttamente dall’amministrazione di appartenenza. Non esiste alcuna spesa di aperture pratiche, o commissioni bancarie. Non vi sono inoltre imposte di bollo sostitutive o bollo per comunicazioni periodiche.

Vi è la possibilità di ottenere un finanziamento molto alto, con un rimborso che arriva fino a 10 anni, in base alla vostra età e la vostra pensione mensile. Non è inoltre necessaria la firma del coniuge, che in molti altri finanziamenti è obbligatoria.

Con questo tipo di prestito, è possibile ottenere la cessione del quinto, anche in caso aveste altri finanziamenti in corso, o se in passato avete avuto problemi con altri prestiti. Sarà infatti l’ente di previdenza a rimborsare la rata, trattenendola dal cedolino della pensione.

Se la vostra è una pensione INPS o Inpdap, vi sono riservate speciali agevolazioni.

Infatti i titolari di pensione INPS, Inpdap e ex Enpals hanno una velocità di erogazione maggiore, grazie all’iter di istruttoria e le gestioni semplificate.

È possibile richiedere direttamente un preventivo online. Si può infatti avviare una richiesta di prestito con deroga di pagamento, direttamente dal sito Findomestic. Vi sono diverse offerte che potrete scoprire.

Una volta compilato il modulo presente sulla pagina con i vostri dati, riceverete una risposta in breve tempo. La richiesta che viene fatta online non è assolutamente impegnativa, e potrete decidere voi se concludere il finanziamento o se lasciarlo andare.

I versamenti per il prestito con delega di pagamento vengono fatti direttamente dall’ente che versa la vostra pensione. Si tratta quindi di una trattenuta diretta, che voi stessi potrete verificare sul cedolino della pensione. In questo modo non dovrete recarvi in banca o in posta, e non dovrete avere alcun tipo di conto in questa banca.

Prestiti Unicredit con delega di pagamento

Dopo aver visionato i vari prestiti con delega di pagamento concessi dalle altre banche e dall’INPS stessa, siamo quindi arrivati all’ultima banca italiana che permette questo finanziamento, la Unicredit.

La cessione del quinto è una soluzione di finanziamento che vi permetterà di avere semplicità e flessibilità. Questo prestito infatti non necessita di garanzie patrimoniali o di tipo immobiliare, e non ha bisogno di giustificazioni di spesa. Perciò potrete richiederlo quando volete e senza giustificazioni.

Come ogni altro prestito con delega di pagamento, anche la Unicredit mette a disposizione questo finanziamento per dipendenti pubblici, dipendenti privati e pensionati in convenzione con l’INPS. In questo caso, l’importo derogabile massimo è di 69.000 euro.

Attraverso la deroga di pagamento, il prestito verrà quindi rimborsato tramite la società che eroga la pensione. Il rimborso può essere fatto da 24 a 120 mesi, fino a 1/5 della pensione netta.

Le coperture assicurative sono inoltre a carico della banca stessa.

Un esempio della cessione del quinto del credito per pensionati, che devono avere un’età massima fine piano di 79 anni, può essere questo.

Viene data una rata di 300 euro mensili, con un finanziamento di 120 mesi. L’importo totale dovuto dal pensionato è di 36.000 euro, con un TAEG del 7,78%, comprensivo delle spese di istruttoria e gli oneri fiscali di 400 euro, e delle commissioni di intermediazione di 180 euro. Alla fine, l’importo erogato al cliente, in totale, sarà di circa 25.000 euro.

Per poter capire meglio questo tipo di finanziamento della Unicredit, è possibile richiedere un preventivo gratuito, e senza alcun impegno, che vi verrà erogato entro 4 giorni lavorativi da un consulente dedicato.

È inoltre possibile richiedere un appuntamento, sempre senza impegno, per poter capire al meglio di cosa si tratta. Vi basterà compilare il modulo, in caso non foste clienti di questa banca. Se invece, siete già clienti Unicredit, vi basterà accedere e richiedere le informazioni direttamente online.

Info sull'Autore

Lascia Una Risposta