Tassi Mutui aprile 2016 al minimo storico: le offerte di Intesa SanPaolo, CheBanca e comparatori online

Pubblicato il 21 Apr 2016 - 10:21am di Ubaldo Cricchi

I dati diffusi da ABI, Associazione Bancaria Italiana, confermano la lenta riprese dei prestiti all’economia e dei mutui in essere delle famiglie; nello scorso mese di marzo i tassi di interesse sui finanziamenti sono scesi ancora: in media il tasso dei mutui per l’acquisto di un’abitazione è giunto al suo minimo storico, 2,36% (nella parte finale del 2007 era al 5,72%). Vediamo le offerte di aprile 2016 di alcuni istituti come CheBanca e Intesa Sanpaolo e l’importanza che possono rivestire i comparatori online.

Tassi mutui al minimo storico: cresce la domanda di finanziamenti

Circa i due terzi dei mutui di nuova erogazione sono a tasso fisso, un dato che risulta essere in leggero aumento rispetto al mese precedente. Allargando l’orizzonte temporale al primo trimestre del 2016 si può notare che il crollo dei tassi sui mutui (il cui valore medio è calato di circa un punto percentuale se confrontato al dato dell’anno scorso) è il principale fattore che ha permesso al mercato dei finanziamenti di crescere in modo evidente rispetto a dodici mesi fa. Gli istituti eroganti cercano di sfruttare il momento e organizzano delle strategie commerciali mirate ad intercettare i nuovi bisogni delle famiglie italiane, che ormai si sono abituate a cercare sul web per ottenere informazioni e confrontare le varie offerte. I comparatori online sono sicuramente tra gli strumenti più utilizzati e apprezzati dai consumatori.

L’analisi condotta da ABI mostra che aumenta in modo considerevole la domanda aggregata di finanziamenti, ma anche che gli importi richiesti sono più contenuti. Questo non è dovuto tanto ad un atteggiamento di cautela della clientela (che, anzi, inizia a mostrare maggiore fiducia e pare più propensa ad indebitarsi per acquistare beni durevoli), quanto all’incidenza delle surroghe: l’importo medio registrato a marzo è di poco superiore ai 122.000 euro, ancora lontano dai 140.000 di cinque anni fa, ma comunque in risalita rispetto all’inizio del 2016.

L’importanza dei comparatori online e le migliori offerte di aprile 2016

In questo scenario contraddistinto dai tassi dei mutui al loro minimo storico e con i possibili clienti sempre più attenti ed informati, il ruolo dei comparatori online, come abbiamo già detto prima, diventa fondamentale sia per gli istituti di credito che per i consumatori. Grazie a questi strumenti è possibile calcolare la rata del mutuo e confrontare le condizioni offerte dalle varie banche. Alcuni di questi comparatori sono diventati famosi anche grazie ad un’importante campagna pubblicitaria e al fatto che molti altri siti si appoggiano a loro: giusto per fare qualche esempio ricordiamo mutuionline.it, facile.it e segugio.it.

Dando uno sguardo alle offerte più interessanti del momento si può scoprire che per quanto riguarda i mutui finalizzati all’acquisto della prima casa le migliori condizioni sono quelle offerte da BancaDinamica, che per i mutui a tasso fisso propone un tasso del 2,60% e un TAEG al 2,68% (in media per un finanziamento di 135.000 euro a 25 anni la rata ammonta a 612,45 euro al mese); per quelli a tasso variabile il tasso è dell’1,12% e il TAEG dell’1,30% (rata mensile di 524,20 euro).

Le promozioni di Intesa Sanpaolo e CheBanca

Anche Intesa Sanpaolo offre una serie di prodotti pensati per chi vuole costruire, acquistare o ristrutturare la propria casa. Fino al 30 aprile 2016 si potrà stipulare un mutuo con tasso fisso dell’1,45% con importi fino al 50% del valore dell’immobile e durata massima di 10 anni; fino al 31 maggio invece si può approfittare del tasso variabile a partire dall’1,15%, sempre per importi fino al 50% del valore dell’immobile e con una durata non superiore ai 10 anni. Ovviamente le condizioni cambiano nel caso in cui importo e durata richiesti siano differenti da quelli indicati dalla promozione. Molto interessanti le soluzioni proposte dall’istituto per i ragazzi con meno di 35 anni, che grazie a Mutuo Giovani possono beneficiare di un periodo a rate leggere (composte dalla sola quota interessi) dalla durata massima di dieci anni.

È possibile approfittare di questo momento di tassi dei mutui particolarmente bassi anche con l’offerta proposta da CheBanca, appartenente al Gruppo Mediobanca, che propone il suo Mutuo Fisso con spread dell’1,05%. Con questa soluzione si può ottenere un importo massimo pari alla metà del valore della casa da rimborsare entro un periodo massimo di 20 anni. Sul sito dell’istituto viene fatto questo esempio: un finanziamento di 100.000 euro della durata di 20 anni comporta una rata mensile di 510,63 euro (TAN 2,10% e TAEG 2,27%). Le condizioni sono valide solo per le richieste che giungeranno entro il 30 aprile 2016.

Info sull'Autore

Sardo trapiantato in Umbria, bachelor in informatica, sono un web designer e articolista. Convinto oppositore della scrittura in stile SMS, adoro gli animali e la musica.

Lascia Una Risposta