Renato Zero, la nuova canzone “Gli anni miei raccontano” anticipa l’album “Alt”: testo e audio del singolo

Pubblicato il 15 Feb 2016 - 4:28pm di Patrizia Monaco

Testo e audio de “Gli anni miei raccontano”, la nuova canzone di Renato Zero. Il singolo anticipa l’uscita del nuovo album “Alt”, prevista per l’8 aprile.

Renato Zero

Sabato 13 febbraio è stato il super ospite nella finale del Festival di Sanremo. Milioni di italiani hanno avuto il piacere di riascoltare alcuni dei suoi più grandi successi ed ascoltare le sue dichiarazioni sulla vita e sull’uscita del suo nuovo album. All’interno del Teatro Ariston sono quindi risuonate le note de La favola mia, Più su, Amico, Nei giardini che nessuno sa, Cercami, Il cielo e I migliori anni della nostra vita.

Un vero e proprio medley, costituito da perle musicali che tanto valore han dato al trascorso artistico dell’Italia. Il suo nome, Renato Zero, rappresenta sempre un nuovo inizio, una ripartenza, per ogni album e strada percorsa nella sua brillante carriera, iniziata oltre quarant’anni fa. I suoi fan, cosiddetti sorcini, non lo hanno mai abbandonato, riservando nei confronti dell’artista romano una vera e propria adorazione. La sua poliedricità, la capacità di passare con disinvoltura dalle emozionanti ballad sopracitate agli eccentrici singoli quali Baratto, Galeotto fu il canotto e Il triangolo. Una voce profonda che lo ha condotto nel mondo del doppiaggio, come nel caso dell’indimenticabile Jack Skeleton, a cui Renato Zero ha prestato la voce nel capolavoro di Tim Burton, Nightmare Before Christmas. Questo è stato però solo uno dei tanti momenti che han portato il cantautore a divenire uno dei nomi più amati della musica italiana.

Renato Zero, una brillante carriera tra sentimenti e trasformazioni

Partito negli anni ’60 alla ricerca di un contratto discografico insieme alle sue amiche di sempre, Loredana e Domenica Berté (Mia Martini), Renato Zero ha sin da subito adottato un look inconfondibile, lasciando al proprio spirito la totale libertà di esprimersi anche attraverso l’estetica. Per il resto, è stato il suo enorme talento interpretativo a condurlo nell’olimpo dei più grandi, senza rinunciare a momenti di crisi sorti nel corso degli anni ’80.  Un periodo di smarrimento da cui il cantante è uscito a ridosso del decennio successivo, esattamente quando, nel 1991, salì sul palco del Festival di Sanremo con Spalle al muro. Il brano, scritto da Mariella Nava, rappresenta un sempre più attuale “dito puntato” contro l’emarginazione a cui la società condanna le persone più anziane. La parola più ricorrente nel testo è infatti vecchio e, l’intensa interpretazione dell’artista, è valso alla canzone il secondo posto nella kermesse sanremese.

Renato Zero

Su quel palco Renato Zero è tornato nel corrente mese di febbraio, con gli occhi di chi in questi ultimi tempi ha visto la società modificarsi, non sempre in meglio, anzi. I suoi interventi, al fianco di Carlo Conti, hanno toccato il tema della famiglia ma anche della guerra, passando per il rapporto con i fan. Se prima non poteva uscire di casa senza essere circondato dai sorcini appostati al di fuori della sua abitazione romana, adesso è riuscito a raggiungere con loro un compromesso, per cui si sente più libero di dialogarvi e di confrontarsi insieme a loro. Nella serata di sabato 13 poi, è giunto l’annuncio più atteso, quello riguardante la prossima uscita del nuovo album di Renato Zero.

Testo e audio de “Gli anni miei raccontano”, la nuova canzone che anticipa l’uscita di “Alt”

A seguito del medley eseguito sul palco dell’Ariston, capace di coinvolgere e far cantare l’intera platea del teatro e, sicuramente, gran parte dei telespettatori del Festival, Renato Zero ha intonato anche la sua nuova canzone. Il titolo è tutto dire, Gli anni miei raccontano, mentre il testo ripercorre i tempi durante i quali l’artista è cresciuto, ha visto amici andarsene, ha vissuto e raccontato storie, condiviso sentimenti e cantato la vita di tutti.

Il brano rappresenta un inno di forza rivolto ai più deboli, a chi deve trovare ogni giorno il coraggio di rialzarsi, nonostante tutto e tutti. “Tutti” perché lo stesso Renato Zero immagina di concludere la sua vita in mezzo a gente che ama, priva di pregiudizi, e magari perché no, anche di rinascere. Un ritorno alla vita nelle medesime vesti ma in universo più in là, se questo dovesse continuare ad essere abitato da gente che lo accoglierebbe di nuovo con tabù e cattiverie. Se hai un cuore degno, meriti la felicità. Questo il messaggio che Gli anni miei raccontano vorrebbe portare nella mente e nello spirito di chi ascolta, una sorta di testamento emotivo che abbraccia tutti coloro che negli anni han vissuto con lui la più straordinaria delle avventure, la vita.

Il singolo anticipa l’uscita del nuovo album di Renato Zero, Alt. Lo stesso cantautore parla così della sua prossima opera, disponibile nei negozi e in digital download dal prossimo 8 aprile:

Dal nulla al tutto. Un incanto che ogni volta si ripete, ed ogni volta si carica di valori più forti, suggeriti dall’esperienza e dal desiderio di sorprendere ancora. Chiamare all’esistenza emozioni che un attimo prima non c’erano, stanare lacrime che il pudore tratteneva, sollevare grida soffocate da questa stagione così silente. La materia si sta forgiando, si fonde viva nell’oro della sincerità di sempre, prende forma sotto le mani appassionate dell’artista, chiuso in queste ore nella sua officina, alla fiamma della sua ispirata volontà, ventimila leghe sotto l’amore. Sarà ancora tutto per noi, una nuova, meravigliosa, prima volta”.

Renato Zero

Cresce così l’attesa per il ritorno discografico di Renato Zero, a cui seguirà con molte probabilità un tour in giro per l’Italia. Un nuovo modo per dialogare con i tanti fan, con cui rinnovare ancora una volta il proprio rapporto d’amore al grido di “Non dimenticatemi!”. Voi nel frattempo non dimenticatevi la data d’uscita di “Alt”, noi invece vi riportiamo il testo di Gli anni miei raccontano e vi invitiamo ad ascoltare il brano attraverso il sito ufficiale di Sanremo 2016.

Renato Zero

Info sull'Autore

Nata nella provincia di Roma, è trascorrendo l'adolescenza nella capitale che inizia a coltivare la propria passione per il giornalismo. Amante della bella musica, della buona politica e dell'impegno sociale, continua giorno dopo giorno a coltivare la sua innata curiosità muovendosi tra i più svariati ambiti della comunicazione.

1 Commento finora. Sentitevi liberi di unirsi a questa conversazione.

  1. Nita 18 febbraio 2016 at 12:08 - Reply

    La canzone Gli anni miei raccontano di Renato Zero dell’album ALT, secondo me, è un inno all’Amore reciproco. Il Poeta dice ALT alle situazioni non costruttive e via alla ricerca di una nuova vita, di un nuovo vero Amore! Questo bellissimo canto rappresenta un meraviglioso messaggio per tutte quelle persone intrappolate in situazioni distruttive o statiche, stimolo per dire stop ai rapporti non costruttivi per lasciare spazio all’amore, essenziale per ricominciare a vivere! E noi possiamo dire solo:
    Renato GRAZIE DI ESISTERE!

Lascia Una Risposta