Tredicesima 2015, aumenti fino a 25 euro ma senza bonus Renzi: 30 miliardi agli italiani, 10 all’erario

Pubblicato il 14 Nov 2015 - 6:48pm di Ubaldo Cricchi

La tredicesima nel 2015 porterà nelle tasche degli italiani circa 30 miliardi di euro (con qualche aumento rispetto all’anno scorso), ma a festeggiare sarà soprattutto l’erario, che secondo i calcoli della Cgia, incasserà 10 miliardi di Irpef. Dal primo dicembre saranno circa 33 milioni i lavoratori e i pensionati che riceveranno la mensilità aggiuntiva, con la Lombardia che è la Regione con più soggetti interessati (6 milioni persone, quasi il 18% del totale).

Gli aumenti della tredicesima: 3 euro ai pensionati, 25 ai capoufficio

Paolo Zebeo della Cgia spiega che rispetto all’anno scorso la tredicesima per i lavoratori dipendenti avrà un importo reale superiore: ci saranno 14 euro in più per gli operai specializzati, 16 per gli impiegati e 25 per i capo ufficio. Aumenti decisamente inferiori per i pensionati: per chi riceve un assegno netto di circa mille euro il ritocco rispetto al 2014 è di soli tre euro. Gli incrementi sono legati ai rinnovi contrattuali, che nel 2015 hanno previsto un aumento retributivo medio dell’1,14%, con un’inflazione che invece è pari a zero.

Zebeo ha fatto alcuni esempi per capire a quanto ammonterà la tredicesima: un operaio specializzato che riceve una retribuzione lorda di 22.700 euro otterrà una tredicesima ai 1.328 euro netti (+14 rispetto al 2014); per un impiegato il cui stipendio lordo annuo è di 27.500, l’assegno aggiuntivo sarà di 1.483 euro netti (+16 €); per il capoufficio con retribuzione lorda di 51.000 euro la tredicesima ammonterò a 2.563 euro netti (+25 €).

30 miliardi agli italiani: rilancio dei consumi con gli acquisti natalizi

La speranza di Zebeo è che una buona percentuale di quei 30 miliardi venga rimessa in circolo attraverso gli acquisti natalizi: i piccoli artigiani e i negozianti potrebbero finalmente tirare un respiro di sollievo dopo un anno di enormi sacrifici per tenere la saracinesca sollevata. Negli ultimi sette anni le famiglie hanno tagliato quasi della metà i consumi nel periodo delle feste: si parla di una riduzione delle spese che supera gli 8 miliardi di euro.

Chiarimenti sul bonus Renzi

Il prossimo mese il segretario della Cgia Renato Mason spera che la gente ricominci a spendere, dando fiato ad una domanda interna che, nonostante paia in aumento, è ancora troppo debole. L’Ufficio studi della Cgia fa anche una puntualizzazione doverosa in merito al cosiddetto bonus Renzi: chi ha beneficiato del bonus durante l’anno non ne potrà godere sulla tredicesima, infatti la legge non lo prevede.

Info sull'Autore

Sardo trapiantato in Umbria, bachelor in informatica, sono un web designer e articolista. Convinto oppositore della scrittura in stile SMS, adoro gli animali e la musica.

Lascia Una Risposta